specialturtles it malacochersus-tornieri 001
Servizio clienti Animali Prodotti
Consegna in 24/48 ore

Malacochersus tornieri (Siebenrock, 1903)

Pancake Tortoise – Testuggine frittella

Specie: Malacochersus tornieri

Sottospecie: no.

Alimentazione: vegetariana.

Habitat naturale: zone desertiche.

Letargo: no.

Dimensioni: piccole, mediamente 12 – 15 cm di carapace.

Legislazione: Appendice I CITES, Allegato A.

Note: E’ la testuggine piu’ veloce,in ambiente terrestre

Tassonomia

Non presenta sottospecie né particolari fenotipi geografici. Geneticamente il genere Malacochersus è più affine ai generi Indotestudo e Testudo, piuttosto che ad altri geograficamente più vicini.

Distribuzione e habitat

Regioni aride e rocciose in Kenya, Tanzania e Zambia.

Leggi di più ↓Leggi di meno ↑

Descrizione


Unica nel suo genere, di piccole dimensioni, il carapace è lungo mediamente 13 cm e si caratterizza principalmente per la forma molto appiattita e la flessibilità. Infatti questa specie ha sacrificato la nota rigidità della corazza delle testuggini, a favore di una maggiore mobilità e velocità. Grazie alla sua conformazione, riesce a sfuggire ai predatori andandosi a riparare sotto le rocce o altri anfratti, e oltre ad essere molto veloce durante la fuga, è anche un’ottima arrampicatrice. Trovato un riparo, si gonfia di aria aumentando leggermente il proprio volume, in modo da aderire maggiormente alle pareti rocciose impendendo a un predatore di poterla estrarre facilmente dal suo rifugio. La colorazione è marrone, tendente al nero o al giallo rispettivamente nelle parti più scure e più chiare. Solitamente gli scuti presentano un disegno a raggi più o meno larghi e numerosi. Con l’avanzare dell’età, la colorazione del carapace può tendere a uniformarsi. Il piastrone è di colore più chiaro e presenta meno disegni rispetto al carapace. La testa è corta e massiccia. Alla nascita i piccoli non presentano la tipica forma schiacciata del carapace.

Alimentazione

La dieta consiste principalmente in erbe secche e vegetali, si possono somministrare quelli solitamente consigliati per la maggior parte delle testuggini.

Mantenimento in cattività

Specie di non difficile gestione, dal carattere abbastanza tranquillo, ma per avere un maggior successo nell’allevamento vanno preferiti esemplari nati e cresciuti in cattività, una scelta ormai possibile, al contrario di un tempo quando nel mercato si reperivano per questa specie soltanto adulti di cattura, quindi facilmente stressabili. Considerata la necessità di un ambiente sempre secco e la dimensione ridotta che raggiunge, si consiglia l’allevamento in terrario durante tutto l’anno. Per favorire la sua indole, occorre creare delle tane a più livelli, con rocce naturali o altro materiale, facendo ovviamente attenzione che non ci siano parti mobili che potrebbero crollare sopra le testuggini quando si arrampicano o cercano un nascondiglio, dove passeranno la maggior parte del tempo. Come substrato si può utilizzare sabbia. Non possono mancare lampade riscaldanti e UVB. La temperatura nel terrario deve essere di circa 25°C, arrivando fino a 35° nel punto più caldo, e di notte si può ricreare un abbassamento graduale fino a 20°.

Riproduzione


Le femmine raggiungono dimensioni maggiori in lunghezza, nei maschi invece il carapace è più largo. La coda nei maschi è più lunga e più larga alla base. La femmina depone più volte durante l’anno, ma un solo uovo per volta, di forma ovale. Può deporlo sotto terra o lasciarlo in superficie incastrato al riparo tra le rocce.  A una temperatura di 30° il periodo di incubazione può durare circa 4 mesi, o in certi casi richiede anche il doppio del tempo. Per un maggior successo nella schiusa, si consiglia di abbassare nelle ore notturne la temperatura di incubazione a 25°, per simulare maggiormente ciò che avviene in natura.

Curiosità

E’ la testuggine più veloce, in ambiente terrestre.

Legislazione

Appendice I CITES, Allegato A del Regolamento CE, necessita di microchip.